La Gru (Grus grus)

La specie del mese:

Febbraio

 

La GruGrus grus, è una specie di grande taglia (cm 115x230 cm di apertura alare) appartenente all’ordine dei Gruiformes. Di colorazione grigio cenere su gran parte del corpo e sulle copritrici, presenta remiganti grigie e nere che contrastano anche a distanza.

Riconoscibile più che altro per collo e zampe lunghe, tenuti distesi in volo, possiede ali anch’esse lunghe, con primarie che ben si stagliano. Volo ad ali tenute piatte con colpi d’ala piuttosto lenti. Utilizza correnti termiche per spostarsi e guadagnare quota ma pratica spesso il volo battuto. E’ quasi sempre contattabile in volo, qui in Liguria, con stormi anche numerosi, spesso vocianti.

Nidifica in diversi paesi dell’Europa centro e nord-orientale: la maggior parte di queste popolazioni sverna a sud-ovest, nella penisola iberica e nell’Africa nord-occidentale (Algeria, Marocco).

Essa è presente nella nostra regione come migratore regolare nel tardo autunno e verso la fine dell’inverno, tra febbraio e marzo, periodo in cui è più frequente e abbondante. Nella Pianura Padana e in misura minore in alcune zone del Centro Italia e in Sardegna dei nuclei svernanti anche di una certa consistenza permangono per settimane in coltivi e in campi dove i gruppi, nell’arco della loro permanenza, si spostano in funzione delle zone di alimentazione.

Considerata un tempo specie di solo passo e rara in Liguria fino a tutti gli anni ’70 con status inalterato fino agli anni ’80, compariva con segnalazioni relative a pochi individui fino all’inizio del decennio successivo: tuttavia da poco più di sei anni, si osserva un netto incremento delle osservazioni intese sia come numero di individui sia per segnalazioni complessive.

Sulla pagina Facebook del Parco del Beigua è possibile, per gli interessati, segnalare gru in migrazione tra febbraio e marzo in particolare tra il Levante savonese e il Genovese usando l’hashtag #GruNelBeigua.

 

Foto e testo di Luca Baghino

 

13/02/20